La lente c’è ma non si vede!

La lente c’è ma non si vede.
Un piccolo esercito di persone affida la correzione del proprio problema visivo alle lenti a contatto che, nella versione a ricambio programmato, soddisfano al cento per cento.
La versione a lunga durata, invece, è prescelta solo dal 40% degli utilizzatori e risolve i problemi di chi ha difficoltà visive particolari.
L’importante è che le lenti a contatto devono essere SEMPRE usate correttamente, senza trasformare una lente quindicinale in una bimestrale o una giornaliera in una settimanale, con tutte le conseguenze derivanti dai gravi problemi di igiene.
Le lenti a contatto sono ormai uno strumento correttivo a cui pochi sanno rinunciare, vuoi per l’estetica, vuoi per la comodità degli sportivi.
L’ultima novità in commercio sono le lenti colorate a sostituzione frequente anche per gli ipermetropi.
I miopi ne fanno uso costante da anni.
Nella versione trasparente è possibile trovare qualsiasi gradazione per qualsiasi difetto, quelle colorate invece hanno qualche limite in più.
Ma non più di tanto.
Anche chi deve risolvere più difetti visivi, se vuole, può NON rinunciare al fascino della lente cosmetica: basta ricorrere a quelle a più lunga durata.
Possono essere ordinate di qualsiasi colore.
Facciamo due conti: oggi con i sistemi di sostituzione programmata, con poco più di 50 cent al giorno, ci possiamo assicurare lenti, liquidi e sicurezza per tutto l’anno grazie all’assistenza costante dell’Optometrista.
Una spesa assolutamente ragionevole! Attenzione però alla giusta manutenzione.
Il problema delle cosiddette “permanenti” è ancora una volta un problema di igiene.
Negli ultimi sette – otto anni, poi, in parecchi si sono avventurati alla prova delle lenti a contatto multifocali.
Il livello di soddisfazione oggi è molto buono.
Sono in grado di creare soddisfazione in chi le usa ma, all’inizio, è importante la costanza nell’adattamento per poter ottenere il risultato desiderato.